Cultura

Pubblicato il 9 febbraio 2014 | da Redazione

0

Visto da voi: #gliocchidelCore 1

Il Municipio VIII raccontato dalle parole e dalle immagini dei nostri lettori.

Garbatella

Da qui me sembra sempre n’altra luna
E’ bionda, è genuina, è roscia, è bruna
Braccia che la cingono i raggi del sole
Che la illumina pure quando depressa, tutta sta luce non la vole
E’ stato amore a prima vista un bel pò de anni fa
Dico sempre “me ne vado” ma non me ne voglio andà
I suoi lotti so dipinti neorealisti, ognuno è materia di poesia
La conosco cima a fondo e rispetto ogni sua via
So tutti amici, è ‘n vero piccolo paese
Io l’ammiro fiera e la consumo senza avè mai troppe pretese
il fornaio, l’amico giornalaio, quello de guerra de nonno, er mercato
Chi pure solo c’è passato n’è rimasto colpito nel profondo, affascinato
I suoi muri raccontano secoli de storia
La elogio prima ancora d’aveccene memoria
E’ na gabbia de matti: i senza senno, gente vera,
quello eclettico, quello erudito, quello tera tera
Er Ciccio, Er secco, le gattare, Pippo er ladro
Io me ce immergo, me ce perdo proprio come n’oceano o dentro ‘n quadro
Un chiaroscuro a colori,
na pennellata nera pe le gioie, una bianca pe i dolori
Rione tra i rioni e generosa, una regina violentata che nonostante i torti mantiene dignità
Una madre coraggiosa, un crocevia di civiltà
L’allegra STRADA, la Battisti, Er 7 e 1/2, l’ospedale
Un mare de stenti, un teatro de drammi, n’esistenza banale
Miliardi de macchine, 3 parcheggi e 2 a strisce gialle, il gelataio
I cassonetti pieni, nasoni e clacson, il parchetto, er fioraio
Se ascolti bene senti pure Pasolini che ancora te lo dice
“Vive na vita violenta ma casca e se rialza sempre, è na fenice”
Quando arriva Eolo che je soffia ce gioca, j’alza la gonna
E’ tradizione e innovazione, è monaca, è facil donna
Sto vento dispettoso che la spettina ma non la sposta mai
E te dico se la insulti e la deturpi conosco più de qualcuno pronto a mettese nei guai
Io la difendo co l’amici “voi mette Monteverde, l’Eur, i Parioli?”
-Ma questi so atterraggi, non so mica voli..
Io parlo de sublime, delle idee che qui so state partorite, de chi c’ha pensato, è salito ed è arrivato
Come de chi è andato a Londra, s’è guardato mejo intorno e qua è tornato
Solo na cosa però, lo devo di, me l’ha resa un pò più fredda ultimamente
Sto ponte brutto’ncorpo che de lirico c’ha poco e ‘gnente
Sto velo d’amarezza cade se me volto, tra le case popolari, vai a sinistra l’oratorio, dritto c’hai l’albergo rosso..
Mi scappa ‘n sorriso rassegnato quasi stolto, è troppo tardi “dovrei staccamme adesso. No, non ce riesco, come posso?”
Mo che s’è fatta sera te voglio fa na foto perciò mettete in posa
Te fisso intensamente “Bella..” me fai senti orgogliosa, senza paura dinnanzi a me t’ergi maestosa
Garbante, Concordia, Remuria, mille appellativi t’hanno dato garbata mia Signora
E’ da Romolo e Remo che ogni giorno qualcuno se scorda da do viene e de te se innamora.

NICO

Tags: ,


Autore



Back to Top ↑