Dispacci

Pubblicato il 26 Gen 2017 | da Matteo Picconi

0

Faraoni torna sul ring nel K1

Domenica 29 al Palazzetto di via Vertumno il combattente di Roma 70 sfida il campione croato Deskaj. «Questo 2017 sarà un anno importante, ci sono grandi prospettive»

Si riaccendono i riflettori su Mattia Faraoni che domenica prossima, presso il Palazzetto di via Vertumno 40, torna sul ring nel k1 per sfidare il croato Fatmir Deskaj. Il suo match sarà il main event della promettente riunione targata Invictus, nel corso della quale gli atleti romani si confronteranno proprio contro una rappresentativa croata.

faraoni boxe k1L’avversario del beniamino di Roma 70 sembra avere tutte le carte in regola per venirsi a giocare l’incontro, fresco del titolo nazionale conquistato da pochi mesi in patria. «Ha vinto i campionati nazionali croati e ha partecipato agli ultimi europei WAKO dove, pur non avendo riportato medaglie, non ha sfigurato – spiega il 25enne Faraoni – il croato è un avversario molto tecnico, credo proprio che sarà sicuramente un bel match». La sfida contro Fatmr Deskaj sarà preceduta da altri tre match di k1, nel corso dei quali saliranno sul ring Francesco Picca, Armin Dokic e Angelo Urrutia, mentre per la boxe professionistica Marco Scafi combatterà sulle sei riprese contro Dordje Markovic.

Faraoni torna nel k1 dopo l’amara trasferta di Massa Carrara dello scorso ottobre in occasione degli Internazionali Wtka-Wka. L’allievo di Riccardo Lecca, dopo la vittoria in semifinale ai danni di un avversario molto duro come il polacco Kocjan Lukasz, incredibilmente non ha potuto giocarsi il titolo: «sono arrivato in finale e purtroppo non l’ho potuta disputare per un incredibile disguido organizzativo che, lì per lì, non ho ben accettato… sono cose che capitano, alla fine sono stato comunque soddisfatto, ho fatto il mio dovere e ho combattuto bene. Spero di rifarmi il prima possibile nei prossimi gran galà riguardanti il k1».

Nuove prospettive sul fronte della boxe, nella quale Faraoni non combatte dal luglio dello scorso anno, quando davanti alla sua Roma 70, in occasione del trofeo Bianchini, vinse per KOt contro il serbo Radojcin. «Quest’anno si è rivoluzionato il pugilato, adesso anche i professionisti possono approdare in nazionale e svolgere attività federali come mondiali, europei… Sono stato convocato per rappresentare l’Italia ai World Series of Boxing che si svolgeranno tra febbraio e marzo – ha dichiarato il peso massimo della Team Boxe che non perde di vista il suo percorso da professionista – prima dell’estate penso che tornerò a combattere anche per il pugilato professionistico».

faraoni FNtvAd accrescere la già diffusa popolarità di Faraoni negli ultimi mesi è stata la sua partecipazione presso la nuova emittente televisiva promossa da Sky Fight Network Italia, un canale d’approfondimento che, finalmente, dedica particolare attenzione anche agli sport da combattimento del nostro paese. «Da un mese a questa parte è nato questo nuovo canale tv Fight Network Italia, del quale sono uno degli ambassadors e che mi ha coinvolto personalmente in una divertente trasmissione culinaria, Gym Food, che rivisita alcune ricette in chiave sportiva. Ho partecipato a qualche puntata, le ultime andranno in onda nei prossimi giorni».

In vista del match di domenica prossima il primo appuntamento è per sabato 28 presso il centro commerciale Happio di via Appia Nuova per le operazioni di peso degli atleti (ore 17) mentre le prevendite per gli ultimi biglietti sono ancora disponibili presso le palestre Invictus. Per il combattente di Roma 70 il nuovo anno inizia carico di ottimismo e di grandi aspettative. «Questo 2017 sarà un anno molto importante, ci sono grandi prospettive sia per il pugilato che per il k1, avrò dei match molto importanti per lanciarmi».

Tags: , , , , ,




Back to Top ↑