5 anni di Black Lives Matter @Csoa La Strada

5 anni di Black Lives Matter @Csoa La Strada

AVVISO IMPORTANTE!

Gonfi del calore condiviso ieri, ci spiace ancora di più dover comunicare che Karlene non è riuscita a partire per essere a Roma stasera.
Abbiamo però deciso di approfondire comunque le radici del dibattito che avremmo affrontato assieme, a partire dalla proiezione di “I’m not your negro” film tratto dal manoscritto incompleto “Remember This House” di James Baldwin, da cui Raoul Peck ha saputo tessere passato e presente di un movimento di liberazione che ancora ci ispira nelle pratiche di lotta


 

Vi diamo appuntamento sabato 13 ottobre, alle ore 18, presso il CSOA La Strada, via Passino 24, Garbatella, (Roma)
per incontrare ed intervistare Karlene Griffiths Sekou con l’aiuto di Mattia Diletti e il contributo di Non Una Di Meno – Roma.

A seguito del dibattito, Concertone dalle ore 22 con Huntress D e Chain of Fools (maggiori info su evento generale 24 Anni di Occupazione – Dal 1994 un posto speciale)

Quest’anno, per festeggiare i nostri 24 Anni di Occupazione – Dal 1994 un posto speciale, allargheremo nuovamente l’orizzonte oltreoceano, facendoci coinvolgere a colpo d’occhio dalle dimostrazioni di un grande movimento che questo luglio ha celebrato il suo 5° anniversario, il Black Lives Matter.

Per questo abbiamo scelto di ospitare Karlene Griffiths Sekou, una delle responsabili del gruppo Black Lives Matter Boston e membro del National Strategy Table del #BLM Global Network.
Tornata di recente dal Giappone come delegata alla World Conference Against the A & H bombs, il suo ruolo include anche la costruzione di solidarietà tra i movimenti internazionali, collaborando attivamente con i protagonisti delle lotte di liberazione rom, indigene, palestinese e dalit.

Grazie a lei, vorremmo aprire quindi uno sguardo su un mondo annaspante per motivi simili al nostro contesto europeo, dove la crisi dell’ordinamento e la sua reazione belligerante ha portato alla necessità di riprovare a suturare la lacerazione del rapporto conflitto/consenso fra potere e società civile e della stessa propulsione organizzativa delle differenze in grado di ripristinarlo, (propulsione) che qui noi oggi chiamiamo NON UNA DI MENO.

Sicurezza umanitaria della comunità, sostegno ai processi di giustizia riparativa, abolizione del carcere, equità economica, accesso a un’istruzione di qualità, assistenza sanitaria universale, diritto all’abitare e abolizione dell’industria bellica, sono alcuni dei temi del piano di rivendicazione politico del #BLM.

Il tutto nato dalla connessione di gruppi organizzati a livello locale, che interviene sulle violenze inflitte alle comunità nere dallo stato e dai vigilantes, che chiama in prima linea ogni soggettività, dal mondo queer alle/ai sans papiers, e che in questa analizza il razzismo sistemico, riconsegnando ad ognun* il proprio protagonismo sul piano rivendicativo e politico, (connessione) che qui noi oggi chiamiamo #NonUnaDiMeno.

Quindi, con la preziosa collaborazione di Mattia Diletti, docente di Scienza Politica dell’Università la Sapienza, intervisteremo Karlene ripercorrendo la sua biografia, gli eventi che l’hanno portata ad avvicinarsi al BLM, i meccanismi d’organizzazione e le scelte che quotidianamente rafforzano le comunità con le quali si rapportano. Un viaggio che verrà condotto insieme ad una delle voci della marea umana NUDM, il movimento politico più interessante e coinvolgente di questi ultimi anni.

Perché facendo un confronto tematico rispetto le vertenze locali e cittadine e alle piattaforme nazionali e internazionali che abbiamo animato in questi 24 anni, non possiamo non pensare a quanto abbiamo da studiare, scambiare e condividere sul piano simbolico e immaginario con un’esperienza di questo calibro, convinti del fatto che queste Strade si sarebbero comunque intersecate.

Carnevale Antirazzista 2018, con il cuore a Macerata

Carnevale Antirazzista 2018, con il cuore a Macerata

Fondamentalmente grazie.

Il sentimento da cui vogliamo partire è quello di gratitudine e di fiducia. Le centinaia di persone che ieri hanno attraversato le strade del nostro municipio per la nona edizione del Carnevale Antirazzista, hanno ribadito con forza di che pasta è fatto il nostro territorio. Abbiamo dimostrato insieme e con determinazione che l’incontro delle differenze ed il superamento della paura indotta sono il migliore antidoto per le derive del presente e quelle del futuro; che quando si dice di non ripetere gli sbagli del passato è proprio continuando a raccontare che si può evitare tale errore.
Ed è proprio per questo che sottolineiamo con sempre più forza quanto un carnevale ANTIRAZZISTA sia necessario per sconfiggere ogni narrazione avvelenata, ma soprattutto ogni tentativo di infiltrazione razzista nei nostri quartieri; preparare una storia che formi e stimoli le adulte e gli adulti di domani, raccontarla durante i laboratori arricchendo reciprocamente le nostre coscienze, rafforza l’identità plurale e meticcia della nostra società. Ed il grande successo delle sfilate di ieri è la prova che non esistono concetti superati, che non ci sono ideologie o atteggiamenti che appartengono al secolo passato e che non si ripeteranno più, o addirittura che la festa del carnevale deve rimanere neutra… sono proprio la troppa neutralità e superficialità, il desiderio di livellamento continuo, che hanno reso possibile il successo mediatico delle formazioni fasciste e contro le quali ieri, insieme, abbiamo deciso di gridare un secco no.
Un carnevale completamente autofinanziato, costatoci più di 1000 euro perché chiaramente non ha trovato alcuna agevolazione da parte dell’amministrazione, e che ha saputo tenere dentro non solo la nobiltà della pratica quotidiana dell’antirazzismo, ma anche la praticità degli interventi di miglioria e socialità che da tempo associazioni e singoli cittadini stanno svolgendo. Quest’anno abbiamo infatti voluto far emergere con forza il prezioso lavoro che il Comitato Parco della Torre di Tormarancia sta svolgendo sia all’interno del parco, sia più in generale nel quartiere (esempio: la recente apertura della scuola popolare Sciangai, all’interno dell’istituto Poggiali Spizzichino di via Odescalchi), o del CdQ Montagnola fondamentale per la ripresa delle attività anche in quel quadrante, piuttosto che le decine di associazioni, formali ed informali, che continuano a far scorrere sangue vivo e innervano continuamente il tessuto del Municipio Roma VIII: dal Coord Romano Acqua Pubblica ai centri sociali, dalle associazioni di stampo religioso a quelle che si occupano di migranti, dalle scuole musicali agli insegnanti
La dimostrazione quindi che insieme è ancora possibile superare l’odio e la diffidenza che rendono difficile la vita nei quartieri, che le azioni divisive fatte da gruppuscoli che cercano un po’ di visibilità non intimidiscono nessun@, che la sicurezza delle nostre strade la facciamo solo attraverso la cura costante e attiva delle stesse, ma soprattutto rivendicando costantemente i diritti che ci spettano, uno su tutti quello al divertimento e alla condivisione.
 I tanti grazie che ieri abbiamo ricevuto, rivolti alle decine di attiviste e di attivisti del Municipio VIII che si sono spes@ per la realizzazione dell’evento, ai performers e alle bande musicali, devono quindi trasformarsi in una ferma presa di posizione, nella convinzione diffusa che divisi siamo poco, ma insieme possiamo continuare a vantarci e ad essere orgogliosi del nostro Municipio, della sua gente. La stessa gente che ieri ha rivolto il proprio pensiero, alla fine delle sfilate, alle migliaia di persone che hanno invaso le città di Macerata e Milano per ribadire il proprio no al razzismo, e a chi ha Piacenza ha messo in gioco il proprio corpo per impedire l’apertura di sedi che fomentano odio e che di fatto proteggono gli sfruttatori e non gli sfruttati.
 Il razzismo non passerà se continueremo ad essere argine, forza propulsiva per un presente da scrivere insieme.
Carnevale Antirazzista de Roma Sud

Carnevale Antirazzista de Roma Sud

▼Per il IX ANNO consecutivo le strade di Roma SUD
tornano a colorarsi di Carnevale Antirazzista.▼

▼▼ Tema del Carnevale: La MAGIA dei COLORI ▼▼

♬♬♬♬♬♬♬♬♬♬♬♬♬♬♬♬♬♬♬♬♬♬♬♬♬♬♬♬♬♬
———————-
Verso il 10 febbraio
Festeggiamo un carnevale con danze e parate, murghe, laboratori teatrali e workshop di costumi e maschere, jam musicali e chi più ne ha più ne metta!
Due partenze, due parate, doppio divertimento che dagli Orti Urbani di Garbatella e da Piazza dei Caduti della Montagnola, s’incontreranno nel parchetto del Caravaggio per confluire tutt* assieme nel Parco della Torre di Tormarancia <3
Da un anno, questa città accogliente e solidale, meticcia e includente, è spazio della marea di donne che si è fatta tempesta, per rivendicare il proprio percorso di contrasto alla violenza, contro ogni stereotipo, sessimo e razzismo.
Per questo rivendichiamo la bellezza e la socialità dei nostri quartieri, la multietnicità e la libertà dei nostri percorsi, e lo facciamo a suon di musica e gran festa!
Lo facciamo per le vie di Montagnola e Tor Marancia per raggiungiungere quel parco della Torre liberato proprio in questi mesi dalle comunità e dai comitati di quartiere, dedicando la nostra festa alle impunite e agli impuniti, alle sognatrici e ai sognatori grandi e piccol* e tutt* coloro che non accettano i soprusi, e per farlo, adottiamo il tema della magia dei colori come filo narrante del carnevale.

✿✿✿✿✿✿✿✿✿✿✿✿✿✿✿✿✿✿✿✿✿✿✿✿✿✿✿✿✿✿✿✿✿✿✿✿

▼▼APPUNTAMENTI VERSO SABATO GRASSO (in aggiornamento)▼▼

✪ SABATO 20 GENNAIO ore 11-13
@La Città dell’Utopia (via Valeriano 3f)
Laboratorio di Maschere e carri a Tema

✪ GIOVEDì 25 GENNAIO ore 17-19
Casale De Merode Occupato via del Casale de Merode 6a
Merenda e Laboratorio di Maschere e carri a Tema

✪ VENERDì 26 GENNAIO ore 17-19
L.o.a. Acrobax (ex cinodromo) via della Vasca Navale 6
Lettura della Storia, Merenda e Laboratorio di maschere a tema

✪ GIOVEDì 1 FEBBRAIO 16.30-18-30
@Casale Ceribeli via Pico della Mirandola 48
Lettura della Storia, Merenda di Carnevale e Laboratorio di maschere a tema

✪ SABATO 3 FEBBRAIO (due appuntamenti s.paolo/garbatella)
•10-13
Arpj Tetto
Lettura della Storia, Merenda di Carnevale e Laboratorio di maschere a tema

✪ MARTEDì 6 FEBBRAIO ore 17-19
Casale De Merode Occupato via del Casale de Merode 6a
Merenda di Carnevale e Laboratorio di Maschere e carri a Tema

La rigenerazione possibile

La rigenerazione possibile

Incontro
MOBY DICK A ROMA: LA RIGENERAZIONE POSSIBILE

Un pomeriggio per discutere di recupero e riqualificazione del patrimonio pubblico a partire dall’esperienza degli Ex-Bagni Pubblici di Garbatella.

Intervengono:

Sofia Sebastianelli
Amedeo Ciaccheri
Francesca Romana Stabile
Lorenzo Caiazza
Rossella Marchini

La consistenza del patrimonio di proprietà pubblica a Roma è di circa 34 ettari escluse le strade. Oltre ai quartieri di edilizia economica e popolare, i cosiddetti Piani di Zona, le ville storiche e i parchi, questo patrimonio consta di strutture che ad oggi non sono più in uso: si tratta di depositi e rimesse dell’Azienda dei trasporti (le 5 strutture più grandi contano circa 250.000 mc) di forti e caserme (15 siti per 82 ettari complessivi) di strutture ospedaliere (ad esempio l’ex ospedale Forlanini ha un’estensione di 19 ettari o l’ex ospedale San Giacomo degli incurabili a via Ripetta). Molti di questi spazi, pur essendo opere di grande pregio architettonico versano in stato di abbandono e si apprestano ad essere svenduti da enti proprietari dissennati alle prese con enormi debiti di bilancio.

Ma siamo sicuri che non ci sia altro destino possibile per questi spazi?

L’esperienza degli Ex-Bagni Pubblici di Garbatella ci insegna di sì. Sotto la spinta di una forte mobilitazione territoriale iniziata nel 2014, questo edificio storico è stato riconvertito grazie ad un accordo istituzionale tra Regione Lazio ed Università di Roma Tre, diventando una moderna biblioteca con una gestione inclusiva ed aperta alle iniziative della cittadinanza.
Sabato 3 febbraio, a quattro anni dall’inizio di questa esperienza, ci ritroveremo a Moby Dick per discutere più in generale di rigenerazione urbana e patrimonio pubblico, un tema dal quale passa la rinascita della nostra città.

Quarant’anni Contro il Lavoro – Una Sera Bifida a Garbatella

Quarant’anni Contro il Lavoro – Una Sera Bifida a Garbatella

Una nuova sfavillante iniziativa arriva a Garbatella organizzata dal Collettivo #Uprising: ecco per voi la prima presentazione romana di “Quarant’anni contro il lavoro” di Franco Bifo Berardi in una serata tutta dedicata al Canone Bifido, ossia due incontri in uno per attraversare il tempo accompagnati dal BifoPensiero e scorrere il lavoro intellettuale del più eretico tra gli interpreti italiani degli ultimi decenni. Un evento che arriva a Garbatella per raccogliere in un’unica sera il filo di un pensiero che “si sviluppa per espansione, sprofondamento, riemersione, mulinello ed esplosione. Dall’autonomia al punk, all’innocenza, al cyber e di nuovo al punk, all’autonomia, all’ecologia della mente, e nuovamente al cyber, alla psicopatia, al nazismo, alla tecnologia, all’autonomia…” come scrive Federico Campagna, curatore della straordinaria raccolta edita da DeriveApprodi che presenteremo nel corso dell’iniziativa.

“Cosa si può fare quando non c’è più niente da fare?” ecco la domanda che cattura il pensiero di Franco Berardi e che ha smosso ancora una volta #Uprising a raccogliere l’occasione e organizzare un incontro che nell’anno dell’anniversario/i – quello epico della Rivoluzione Bolscevica e quello immaginifico del ’77 in Rivolta – vuole prendere la Storia per il bavero, provocarla, e gettarci nel prossimo Futuro senza paracadute.

Per questo nella stessa sera due eventi e in questo happening rivoluzionario, presenteremo in una proiezione esclusiva “Comunismo Futuro”, un chaos-movie, un oggetto visuale dinamico ricombinante nato dalla Regia di Andrea Gropplero e dalla interpretazione di Bifo, per accompagnarci in un viaggio vertiginoso attraverso il ventesimo secolo, un viaggio che viene raccontato insieme dal punto di vista della Rivoluzione del 1917, e dal punto di vista della spirale di follia in cui il secolo ventunesimo sembra essersi gettato a capofitto.

Il prossimo 17 Novembre lo spirito del tempo perderà la strada delle narrazioni confortanti e vi accompagneremo a cercare insieme la strada di una liberazione possibile del tempo di vita dalla schiavitù del lavoro salariato e dagli spettri del presente, ospitati a Millepiani Coworking, uno dei luoghi più prolifici della nuova creatività comunitaria garbatellana.

Un Happening con ospiti d’eccezione come Federico Campagna ( curatore del libro edito da DeriveApprodi), Andrea Gropplero ( Regista di Comunismo Futuro), Maurizio Torrealta ( Giornalista RaiNews 24 e fondatore di Radio Alice) e Peppe Allegri ( Ricercatore Sociale – Bin Italia ).

La serata si svolgerà così:

dalle 17.30 – Presentazione “Quarant’anni contro il lavoro” – ne parleranno con Franco Berardi Bifo : Federico Campagna, Maurizio Torrealta, e Peppe Allegri.

ore 20.30 – pausa ristoro a sostegno del progetto di ricerca culturale #Uprising

ore 21.30 – presentazione esclusiva di “Comunismo Futuro” Regia di Andrea Gropplero di Troppenburg, Starring Franco Berardi Bifo ( prodotto da Pidgin)

a seguire insieme continueremo l’happening per chi vorrà presso il Centro Sociale La Strada, per una prosecuzione musicale a questa serata d’eccezione.

Sostieni #Uprising – Storie per la Rivoluzione che verrà